ER: Progetti ict per professionisti

Bando per il sostegno di progetti rivolti all’innovazione, la digitalizzazione e l’informatizzazione delle attività professionali a supporto del sistema economico dell’Emilia-Romagna. Sono disponibili 2 milioni di euro per gli investimenti programmati sul 2018.

SCADENZE

La trasmissione della domanda di contributo dovrà essere effettuata dalle ore 10.00 del giorno 12 settembre 2017, alle ore 17.00 del giorno 10 ottobre 2017.

Gli investimenti devono essere realizzati a partire dal 1/1/2018 fino al 31/12/2018.

La procedura di selezione dei progetti sarà di tipo valutativo a sportello. Pertanto la valutazione dei progetti sarà effettuata secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande di contributo.

DOTAZIONE FINANZIARIA

Le risorse disponibili ammontano ad euro 2.000.000.

OBIETTIVI

Il bando è finalizzato al supporto di soluzioni Ict per le attività delle libere professioni e l’implementazione di servizi e di soluzioni avanzate in grado di incidere significativamente sull’organizzazione interna, sull’applicazione delle conoscenze, sulla gestione degli studi e sulla sicurezza informatica.

BENEFICIARI

Possono presentare domanda  i seguenti soggetti, con unità operativa o sede legale in cui si realizza il progetto in Regione Emilia-Romagna:
a) Liberi professionisti ordinistici: titolari di partita IVA, esercitanti attività riservate, iscritti ai sensi dell’art. 2229 del Codice civile a Ordini o Collegi professionali e alle rispettive Casse di previdenza, che operano in forma singola, associata o societaria.
S’intendono operanti in forma associata o societaria le seguenti categorie di liberi professionisti:
✓ Associazioni professionali o Studi associati di professionisti con atto costitutivo registrato all’Agenzia delle Entrate alla data di presentazione della domanda;
✓ Società tra professionisti – StP di cui all’art. 10 c.3 D.Lgs 12/11/2011, n. 183 come regolate dal DM 8 febbraio 2013 n. 34;
✓ Società di professionisti o di ingegneria di cui alle lettere b) e c), comma 1 dell’articolo 46 del D.Lgs. n. 50/2016 (Nuovo Codice degli appalti);

b) Liberi professionisti non ordinistici: titolari di partita IVA, autonomi, operanti in forma singola, o associata di “studi formalmente costituiti” (esclusa la forma di impresa), che svolgono attività professionali non rientranti in quelle riservate agli iscritti a Ordini e Collegi professionali, che svolgano prestazione d’opera intellettuale e di servizi e siano iscritti alla gestione separata INPS come previsto dall’art. 2, comma 26 della Legge 335/95, anche appartenenti ad Associazioni professionali riconosciute di cui alla L. n. 4/2013.

INTERVENTI AMMESSI

I progetti dovranno contribuire a creare opportunità di sviluppo, consolidamento e valorizzazione delle attività libero professionali tramite la realizzazione d’interventi per:

  • favorire lo sviluppo, la strutturazione delle attività libero professionali e il loro riposizionamento
  • facilitare l‘affiancamento dell’attività professionale ai processi di efficientamento della pubblica amministrazione
  • incentivare gli investimenti in nuove tecnologie, innovazioni di processo, in tecnologie informatiche
  • diffondere la cultura d’impresa, dell’organizzazione e della gestione/valutazione economica dell’attività professionale
  • consolidare le realtà professionali attraverso la stabilizzazione del lavoro

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono le seguenti:
a) acquisto di attrezzature, infrastrutture informatiche, tecnologiche, digitali finalizzate alla realizzazione a titolo esemplificativo di piattaforme, siti web, al miglioramento della connettività di rete, alla digitalizzazione e la dematerializzazione dell’attività, la sicurezza informatica, la fatturazione elettronica, il cloud computing, il business process, compresa la strumentazione accessoria al loro funzionamento
b) spese per l’acquisizione di brevetti, licenze software e di servizi applicativi necessari al conseguimento degli obiettivi dell’intervento, o altre forme di proprietà intellettuale;
c) Interventi accessori, anche di carattere edilizio, strettamente necessari alla realizzazione del progetto, nel limite massimo di 5.000 euro;
d) spese per l’acquisizione di consulenze specializzate per la realizzazione del progetto; tali spese sono riconosciute nella misura massima del 30% della somma totale delle altre voci di spesa.

PORTATA PROGETTI

I progetti per i quali viene presentata domanda di contributo dovranno avere una dimensione minima di investimento pari a complessivi € 15.000.

FORMA E INTENSITÀ DELL’AGEVOLAZIONE

Il contributo è concesso a fondo perduto in regime “de minimis” (Regolamento CE della Commissione del 18 dicembre 2013, n. 1407) nella misura del 40% dell’investimento ritenuto ammissibile.

La percentuale di contributo è elevata al 45% nelle seguenti ipotesi:
a) nel caso in cui, per effetto della realizzazione del progetto si realizzi un incremento occupazionale di 1 o più unità rispetto alla situazione ex ante in personale dipendente a tempo pieno con contratti a tempo indeterminato;

b) nel caso in cui il progetto da realizzare sia presentato da un soggetto caratterizzato dalla rilevanza della componente femminile/giovanile.

c) Nel caso in cui il soggetto richiedente sia in possesso del rating di legalità.

L’importo massimo del contributo concedibile per ciascun progetto ammesso a finanziamento non potrà comunque eccedere, neanche per effetto della maggiorazione, la somma complessiva di € 25.000.

RIFERIMENTI NORMATIVI

Por Fesr 2014-2020 – Asse 3 – Azione 3.5.2 – Contributi per le attività professionali
Determina n. 5791 del 21 aprile 2017 che rettifica l’allegato 1 alla Dgr n.331/2017

Scade il 10-10-2017 alle 17:00